Mirco B log - Mirco B

Vai ai contenuti

Rufus: chiavette USB avviabili per ogni occorrenza

Mirco B
Pubblicato da in Informazione ·
Tags: USBBootabileRufusChiavetta

Sito web del produttore: http://rufus.akeo.ie 

Rufus è un'applicazione gratuita che permette di rendere avviabile le chiavette USB. Estremamente compatto e leggero, Rufus contiene tutte le funzionalità necessarie per raggiungere l'obiettivo.
Rispetto ad altri programmi similari, Rufus ha dalla sua anche performance eccellenti: l'applicazione è capace di permettere l'avvio del sistema da una chiavetta USB in pochi secondi.
Sempre facendo riferimento a Rufus, è possibile inserire nella chiavetta USB avviabile l'immagine ISO delle principali distribuzioni Linux, di molti tool basati sul "pinguino" e dello stesso Windows. 
Un elenco non esaustivo delle principali ISO direttamente supportate da Rufus è pubblicato a questo indirizzo, in calce alla pagina.

Si tratta in sostanza, di un software opensource che permette di rendere avviabile qualunque chiavetta USB consentendo l'esecuzione, all'accensione del personal computer, di qualsiasi immagine ISO: si pensi ai "Live CD" delle distribuzioni Linux, ai tanti strumenti per il supporto d'emergenza che sono disponibili in Rete, alle ISO del disco di ripristino di sistema di Windows od a quelle per l'instalazione del sistema operativo vero e proprio.

Quella che segue è un'immagine che raffigura la finestra per la formattazione delle unità disco in Windows 7:



Essa appare assolutamente identica alla versione utilizzata nelle precedenti versioni di Windows (Windows Vista e Windows XP): essa fornisce gli strumenti per creare un floppy disk avviabile sebbene si tratti di supporti ormai di fatto inutilizzati da diversi anni ma non mette a disposizione una funzionalità per rendere avviabile una chiavetta USB.

Rufus è un'applicazione gratuita che consente di risolvere proprio questa problematica: quando si ha a disposizione un'immagine ISO avviabile, si può utilizzare il software per usarla al boot del personal computer. Il programma viene distribuito in due versioni: la prima supporta FreeDOS, sistema operativo compatibile con il vecchio DOS, che – come spiegano gli autori di Rufus – può essere usato ad esempio per aggiornare comodamente il firmware di un dispositivo hardware. La seconda versione di Rufus, invece, non integra il supporto per FreeDOS.
Rufus è un programma che porta con sé numerosi vantaggi:
In primis, Rufus è veloce nel portare a compimento le operazioni richieste. Diversamente dalla maggior parte degli altri tool, che per la gestione dei file ISO usano 7-Zip, Rufus ricorre ad una libreria interna (libcdio): quest'ultima garantisce performance nettamente migliore durante l'estrazione dei dati dai file d'immagine. A titolo esemplificativo, usando una chiavetta USB 3.0 su un sistema Windows 7 x64 core 2 Duo equipaggiato con 4 GB di RAM, Rufus ha impiegato poco meno di tre minuti e mezzo per elaborare l'immagine ISO del DVD d'installazione di Windows 7 64 bit Ultimate in inglese. Il software di Microsoft Windows 7 USB/DVD Download Tool 8 minuti e 10 secondi; Universal USB Installer 7 minuti e 10 secondi; UNetBootin 6 minuti e 20 secondi; WiNToBootic 3 minuti e 35 secondi.
A giocare a favore di Rufus il fatto di essere un'applicazione portabile di dimensioni estremamente contenute, l'abilità nel mantenere intatto il contenuto dei file ISO e nel controllare l'eventuale presenza di blocchi danneggiati all'interno del supporto di memorizzazione scelto.

Quando si esegue Rufus, sembra di avere di fronte la finestra per la formattazione dei dischi di Windows migliorata con l'introduzione di numerose funzionalità accessorie:


La parte superiore della finestra è sostanzialmente identica alla schermata proposta da Windows ma è agendo sulle opzioni posizionate più in basso che si potrà preparare la chiavetta USB e renderla avviabile al boot.

La casella Check device for bad block consente di controllare se il supporto di memorizzazione contenga dei blocchi danneggiati (si può decidere di effettuare sino a quattro verifiche consecutive).

L'opzione Quick format permette di richiedere una formattazione veloce mentre Create a bootable disk using è forse la casella più importante dal momento che permette di richiedere la generazione di un supporto avviabile contenente DOS, FreeDOS, oppure un file ISO avviabile. Selezionando ISO Image dal menù a tendina quindi specificando mediante il piccolo pulsante poco più a destra un file d'immagine, Rufus provvederà ad allestire autonomamente la chiavetta USB in modo che lasciandola collegata al personal computer, al successivo reboot, il sistema possa partire da tale supporto.

Per scaricare il file eseguibile di Rufus, è possibile fare riferimento ai collegamenti seguenti (il primo contiene anche il sistema operativo FreeDOS mentre il secondo il necessario per il funzionamento del solo Rufus):



Il software, distribuito sotto licenza GNU GPLv3, è compatibile con Windows XP, Windows Vista e Windows 7, sia a 32 che a 64 bit.










2 commenti
Voto medio: 125.0/5
Mirco
2015-10-29 21:56:50
GPT (GUID Partition Table) è uno standard per la definizione della tabella delle partizioni di un disco fisso che rappresenta l'evoluzione del ben noto MBR (Master Boot Record).
GPT offre un meccanismo più flessibile per il partizionamento dei dischi rispetto al tradizionale MBR, porta con sé diversi vantaggi ed è parte dello standard EFI (Extensible Firmware Interface) il cui scopo è quello di sostituire il "vecchio" BIOS.
Davide
2015-10-29 18:17:56
Ciao stò usando rufus 2.5 per trasferire una iso win 10 ad una usb , solo sapresti chiarirmi le idee sullo schema partizione e destinazione sopra .. dove c'è la scelta è MBR , GPT uefi e via dicendo? stò installando win 10 da zero in una partizione da win 7 MBR che poi convertirò in GPT (sono praticamente sicuro che in questa maniera perderò tutto .. non è un problema ) ma la differenza da lasciare il programma su MBR o metterlo in GPT quale sarebbe ... non mi leggerebbe il disco? o potrei lasciare su MBR come si presenta di defoult. grazzie ... scusa la domanda forse nubbia :-)))))))


18/04/2019
Privacy Policy
Torna ai contenuti